Momenti indelebili

Passare nelle stesso posto diverse volte e vedere che l'ombra si sposta sul lato opposto del marciapiede dove stai correndo.
Partire col sole che sta ad est ed arrivare al traguardo che sta ad ovest.
Ci sono sensazioni che non si possono descrivere, ci sono momenti in cui nessuno intorno a te può fare qualcosa per aiutarti, per farti correre quegli ultimi km, per darti un sostegno valido per finire quella gara che stai aspettando da un anno.
Km 38 della maratona, mi fermo, cammino, non ho più niente dentro, vorrei sdraiarmi per terra, vorrei fermarmi sedermi e non rialzarmi più, mancano solo 4 km, ma non ho più un briciolo di energia, niente.
Non mi ero mai sentito così vuoto, mai, la coca cola ai ristori è finita, qualche zucchero mi aiuterebbe a riprendere, ma non ne hanno più.
Alla tenda dei soccorsi medici intravedo una bottiglia di cocacola sopra a un tavolo, me ne verso un bicchiere e continuo a camminare.
La gente ai lati del Meno continua ad incitarmi, li sento a malapena, non ho più le forze, neanche per alzargli il pollice.
Guardo il crono, ce la posso ancora fare.
Stare sotto le 11 ore.
Penso se ne vale la pena.
Penso a cosa possa servire.
Penso che dopo tanti sacrifici ce la posso fare ancora.
Per cosa?
Per me.
Perchè quando credo che ce la posso fare, io ce la faccio, malgrado tutto.
Piano piano arrivo finalmente al km 40.
Prendo un cubetto di ghiaccio al ristoro, a cosa serva non lo so, non ne ho mai presi, lo tengo in mano, mi rinfresca, mi piace.
Arrivo al 41°km, la RedBull presa al posto della Cola forse mi ha dato la giusta energia.
Passo per l'ultima volta sul ponte a est, manca un km al traguardo, recupero le ultime forze per fare la discesa del ponte e correre gli ultimi metri sul Meno.
Ho finalmente preso il braccialetto viola, un volontario mi fa cenno di girare a destra, levo gli occhiali e cerco di togliere il sale che ho sugli occhi con le dita.
A destra mia moglie e mio figlio mi chiamano, gli urlo 'vi amo!' e vado al traguardo, allargo le braccia e la gente mi allunga le mani per toccare le mie.
Quello che si prova in quegli ultimi metri non riesco a descriverlo.
Brividi, gioia, sollievo, cattiveria, odio, amore, soddisfazione...

Ce l'ho fatta, ancora una volta!
Ho migliorato anche il mio record, ma non me frega un cazzo.
Il pianto breve ma intenso all'arrivo mi libera di tanti pensieri, tante preoccupazioni, tante angosce che in questi ultimi tempi mi hanno corroso.
Ma per corrodere il ferro ci vuole ben altro, quello che mi ha ingiallito in questi ultimi mesi è solo un leggero strato di ossido, basta poco per toglierlo via.
Sono tornato alla realtà da ieri, oggi sono tornato al lavoro, se ancora così si può definire.
Dentro sono cambiato, ancora una volta, e questo mi permetterà di affrontare nel meglio dei modi questo periodo professionale infelice, di merda.
Anche a questo serve essere finisher.

Commenti

  1. Però adesso non ti montare la testa. A novembre hai un caffe da scroccare a due juventini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sarà da sudare a Novembre, vedrai... :)

      Elimina
  2. Grande Giancarlo,bellissimo racconto. Io purtroppo quei momenti non sono riuscito a godermeli così tanto. Forse mi aspettavo troppo, forse troppo poco, forse stavo soffrendo troppo, forse troppo poco ... non so, mi toccherà riprovare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Gianluca, mi sono appena svegliato ...

      Elimina
    2. Grazie Lorenzo, anch'io non me li sono proprio goduti :) però li abbiamo vissuti intensamente dai, riprovare è d'obbligo!

      Elimina
  3. Ancora una volta hai dimostrato a te stesso, alla tua famiglia e ai tuoi cazzari amici il tuo VALORE! Sono sicuro che presto lo capiranno anche persone meno importanti ma piu' " remunerative"!!!!!
    Per rimanere sul tecnico poi, direi un nuoto come previsto, una grandissima bike e la consueta mostruosa tenuta in maratona con un caldo assurdo sei rimasto sotto le 4h!!!! Grandissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luca, ne sono convinto anch'io, anche se il 'maltempo' non accenna ad andarsene via.
      Ti anticipo che nel nuoto speravo almeno 4 minuti in meno, ma nell'ultimo tratto ho sbagliato traiettoria

      Elimina
  4. Grande Gianluca.....non è facile compiere certe "imprese" quando la testa non è libera. ancora più bravo per questo!
    ps: tanta roba la redbull!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mauro, la redbull l'avevo già provata in gara e non la sopporto, ma era l'unica bibita disponibile con un minimo di zuccheri, quelli che mi occorrevano per finire

      Elimina
  5. Sei un grande e sono onorato di conoscerti.
    Applausi infiniti...

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Daje Giancà, l'anno prossimo salto il full molto probabilmente, ma un mezzo a tutta non ce lo facciamo scappare ;)

      Elimina
  7. Aspe' come si dice... non mi vengono le parole... BRAVO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale, anche se in germania dicono BRAFO!

      Elimina
  8. Gianlù, di momenti come questo ne avrai ancora tanti, ormai solo grandi prestazioni, Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero proprio Frà, lo spero... Grazie di cuore!

      Elimina
  9. e' stato un orgoglio correrti al fianco
    (almeno per un po')

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stè sinceramente speravo mi riprendessi al 38°km quando ho cominciato a camminare, poi dopo la consegna del quarto braccialetto ho ricominciato a correre.
      Sono io orgoglioso di avere un compagno di squadra e un amico come te

      Elimina
  10. quel refolo di vento che ti ha sospinto negli ultimi km, eravamo noi che ci sgolavamo! :) bella fratè, sò emozionato come un bimbo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e giuro Yò che vi ho sentito, ho sentito i vostri insulti e incitamenti, vecchi facoceri!

      Elimina
  11. che dire complimenti grandissima impresa.................e noi amici eravamo in chat a seguirti ed incitarti..........
    A novembre potro' dire .-.... ho vinto un caffe' ad un ironman under 11h
    p.s in bocca al lupo per il lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Lello, mai dire gatto... crepi! (il cacciatore!)

      Elimina
  12. Si è prima uomini e poi atleti...lo hai dimostrato mettendo il cuore in ogni bracciata, pedalata e falcata!!! Pensieri ed emozioni che fanno respirare la grandissima forza ed il coraggio che hai... Complimenti campione!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Saetta :) e mi raccomando, a Zurigo urla più forte che puoi anche per me!!!

      Elimina
  13. un anno per riabbracciarti, nel giorno più lungo e duro dell'anno! pochi ma molto intensi i momenti passati insieme, il calore prima della partenza su tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Luì, è stato veramente un piacere rivederti, domenica mattina ti ho visto molto rilassato e pronto e questo ha contribuito in modo positivo anche al mio stato d'animo :)
      Sembrava quasi di stare al bar a fare due chiacchiere

      Elimina
  14. Ok gli ultimi quattro km della gara ma il racconto della frazione nuoto,bike,i 38 km precendenti la crisi? Pensa chi segue con interesse il tuo blog? In momenti come quello che stai affrontando te,lavorativamente parlando,e altre miliini di persone me compreso,leggere queste avventure fà soltanto bene al morale. Conta che io ho mollato non ho tale forza per potermi allenarmi,fare gare e non al lavoro ed i problemi che ne seguono. Ciaoi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao anonimo, queste sono le prime parole uscite dal cuore quando ho visto la foto che mi ha scattato mio figlio, presto arriverà il luuuungo racconto di questa luuunga giornata. prepara la birra e i popcorn ;)
      Non ci vuole forza per reagire, bisogna averne solo voglia e io faccio il tifo per te!
      Daje!

      Elimina
  15. Complimentissimi Master Runners!

    Allenato alla resistenza, circondato da una bella compagnia, con calma fai quadrare anche il resto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saretta! Grazie! Ne sono convinto anch'io, anche se non è facile, ma a noi le cose facili non piacciono! :)

      Elimina
  16. Chi??? Gianluca l'omo de fero??? Lo conosco, lo conosco è n'amico mio...ce sò stato pure a cenà assieme....Scherzi a parte Gianlù, ti faccio un mare di complimenti per quello che riesci a fare. Godo per te. Volevo venire a tifarti a Pescara, ma quest'anno il 70.3 è capitato alla vigilia della gara che come sai organizzo e non è stato possibile staccarmi, sennò qualche bel gavettone te l'avrei fatto volentieri (....) Pure io ho ripreso alla grande...corro tutto il giorno dietro a mì nipote che quasi quasi cammina da sola, ma co sto ginocchio me fa fatica sta dietro pure a lei...Forse a settembre farò una capatina a Villa Valeria da un certo ortopedico...mah vediamo m'pò..comunque adesso tutto riposo, anzi, lo sai cheme vado a fa domani sera alle 21,00 per sdrammatizzare??? La "Notturna di Scerne" Te prego nun commentà, lo so quello che me vòi dì....ma chi se ferma è perduto....Ci vediamo Gianlù, da settembre quando dovrai fa qualche lentissimo, conta pure su de me.
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antò, noi a Novembre andiamo a Torino per la maratona, tu che fai?
      Daje!
      Come ai vecchi tempi!

      Elimina
  17. Bravo, bravo e bravo.. Sei riuscito a non mandare a puttane mesi e mesi di preparazione in un contesto di vita assai difficile e non è poco! Il fatto di scendere sotto le 11 è la ciliegina sulla torta che deve darti la forza per tener duro e saper aspettare ancora..

    Penso se ne vale la pena.
    Penso a cosa possa servire.
    Penso che dopo tanti sacrifici ce la posso fare ancora.
    Per cosa?
    Per me.

    clapclap clap clap clap clapclapclap clap clap clapclap clap clap clap clapclapclap clap clap
    clapclap clap clap clap clapclapclap clap clap clapclap clap clap clap clapclapclap clap clap

    Riflessioni fatte anche dal sottoscritto dopo le oltre 11ore di corsa sulla faentina, risposta simile e dallo stesso sigificato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mauro, solo dopo tali sacrifici apprezzi veramente queste cose :)

      Elimina
  18. Grande persona, grande uomo e grande atleta sei!
    Quanto al resto delle difficolta', come si dice da queste parti, non puo' piovere per sempre!
    GRANDIOSO!

    RispondiElimina
  19. Giusto Leo, deve pure smette prima o poi, eccheccavolo!!!
    Grazie!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi